Per arieggiare casa, ecco il tempo corretto di apertura delle finestre

Arieggiare casa aprendo le finestre è importante principalmente per due motivi:

1. Fare entrare aria fresca e ricca d'ossigeno, molto importante per il nostro benessere.

2. Abbassare l'umidità relativa e prevenire la formazione di muffe.

Se hai sostituito gli infissi il rischio condensa e muffe è molto elevato, ecco perchè ho scritto questo articolo, per aiutarti a non avere problemi e per vivere in un'ambiente piu' sano. Questo non dovrebbe mai succedere se chi ti ha venduto le finestre ti ha informato prima su come arieggiare casa ma se questo non è avvenuto non preoccuparti, ti aiutero' io. Sfato subito un falso mito, una credenza che purtroppo produce molti danni. Mi capita di andare a fare sopralluoghi in case piene di muffa e chiedere al proprietario se apre mai le finestre.

La risposta: "certo, le tengo aperte tutto il giorno". Capisco che nella manete di alcune persone PIU' = MEGLIO ma riguardo all'aerazione dei locali non è cosi.

Ti faccio un'esempio, mettiamo che hai una stanza di 30 metri cubi di volume aria interna e aprendo le finestre dopo 5 minuti hai cambiato tutti i 30 metri cubi. Non è che aprendo per piu' minuti cambi piu' aria, l'hai già cambiata tutta!

Cosa succede allora? Succede un grave problema: abbassi la temperatura di pareti, pavimenti, mobili, ecc. e quando chiudi le finestre l'umidità risale a livelli alti e si crea la muffa in tutti i punti che hai "raffreddato" tenendo aperto per troppo tempo.

Qual'è il tempo corretto di apertura delle finestre?

Solitamente qualche minuto (2-4), con tutte le finestre e portefinestre spalancate è sufficiente per cambiare tutta l'aria in casa. In questo modo non si raffreddano le pareti e non corri il rischio di formazione di muffa a patto che nella casa non siano presenti ponti termici. Quando si cambia aria nelle stanze è opportuno tenere aperte anche le porte interne in modo che l'aria possa girare piu' facilmente e piu' velocemente.

Nell'immagine che ti ho preparato sopra puoi vedere quanta differenza di tempo c'è tra un'areazione con finestra spalancata o a ribalta. La ribalta in inverno non andrebbe mai utilizzata, il perchè te lo mostrero' tra poco.

Quante volte al giorno occorre aprire le finestre?

Premesso che quanto aerare casa dipende sa tutti questi fattori:

- Numero di persone che ci vivono, numero di lavatrici/lavasciuga fatte, numero di lavastoviglie fatte, numero di doccie/vasche fatte, numero di volte che si lava

il pavimento, dimensioni della stanza, stendibiancheria all'interno dell'abitazione, tempo trascorso in cucina, presenza di animali domestici, temperatura di riscaldamento, tipo di riscaldamento.

Ti consiglio questo "minimo sindacale" per aerare: appena ti svegli al mattino e alla sera. Questo è il minimo, poi in funzione di quante attività svolgi tra quelle elencate qui sopra, dovrai aumentare il numero delle volte in cui ricambi l'aria nelle stanze.

AERARE CON ANTA RIBALTA

Arieggiare con l'anta a ribalta è bandito in inverno! Lanta ribalta ricambia troppo poca aria e dovresti tenerla aperta delle ore agghiacciando tutti i muri vicino alla finestra e peggiorando la situazione. Puoi usarla al limite mentre fai la doccia, ma appena hai finito devi spalancare la finestra e tenere chiusa la porta altrimenti tutta l'umidità se ne andrà nel resto della casa. Naturalmente puoi utilizzare la ribalta in primavera, in estate e in autunno, in questi mesi è un'ottimo strumento che ti aiuta ad arieggiare senza fare danni.

AERARE CON LA MICROAERAZIONE

Io chiamo la microaerazione il "simulatore dello spiffero" o il "simulatore delle vecchie finestre". Ma se devi simulare uno spiffero con le nuove finestre non era meglio tenere le vecchie? Almeno risparmiavi un bel po' di soldi !

La microaerazione non andrebbe mai utilizzata, primo perchè non è efficace, secondo perchè le finestre in microaerazione non sono sicure, e tenere una finestra in modalità "non sicura" per diverse ore non è una buona idea, un'ipotetico ladro entrerebbe senza nessuna difficoltà. A livello energetico non è una gran soluzione, è solo un'arma commerciale in mano a chi non conosce quello che sta vendendo.

COME ARIEGGIARE IN INVERNO

Alcuni consigli per evitare la formazione di muffe e sprechi di energia. Inverno si produce piu' vapore acqueo e occorre cambiare l'aria senza sprecare l'energia prodotta con il riscaldamento. Si spalancano le finestre per pochi minuti per piu' volte al giorno. Non si usa la ribalta e nemmeno la microaerazione. Mentre spalanchi le finestre ottieni il massimo del risultato se contemporaneamente tieni aperte tutte le porte interne in modo che l'aria possa muoversi molto velocemente. Questo è il miglior modo per sprecare meno energia possibile in modo naturale senza VMC.

COME ARIEGGIARE IN ESTATE

In estate non occorre prevenire la formazione di muffa e condensa ma dobbiamo cambiare l'aria in casa per garantire un buon tasso d'ossigeno e abbassare i livelli di CO2. Se hai il condizionatore acceso puoi aprire alla sera tardi quando l'aria è piu fresca e ottenere due vantaggi: salute e risparmo energetico. Se tieni aperto tutto il giorno va bene ma non fare entrare il sole altrimenti la tua casa diventerà un forno ! I vetri di nuova generazione trattengono il caldo sia in inverno che in estate, non dimenticarti questa caretteristica, è fondamentale.

Walter Tedeschi   

 

Se hai la necessità di sostituire gli infissi di casa contattaci e ti risponderemo entro le 24 ore

Contattaci

Guida gratuita all'acquisto degli infissi

Avrai subito tutte le informazioni necessarie che ti guideranno alla scelta di infissi di qualità che ti faranno risparmiare sulle tue bollette!

Richiedi subito

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. OK Voglio saperne di più